Diminuzione delle tasse sul lavoro....
venerdì, marzo 31, 2006

La diminuzione del cuneo fiscacle è forse l'unico provvedimento in grado di tenere in considerazione due aspetti importanti: la coesione sociale e l'unità delle parti sociali. Personalmente non mi faccio illusioni, la diminuzione di 5 punti è molto difficile....

Si tiene conto della coesione sociale perchè questo provvedimento beneficerebbe sia il lavoratore dipendente che il datore di lavoro, a livello di parti sociali mette daccordo sia la confindustria che i sindacati....

La politica del centro-sinistra, da questo punto di vista, è molto chiara, vista la scarsa crescita del nostro paese si vuole spostare il "baricentro fiscale" dalle rendite da lavoro e produzione, alle rendite finanziare poco o nulla produttive per la società, che in questi anni sono state agevolate attraverso una tassazione così bassa da non avere eguali nel resto dei paesi industrializzati. Questo affinchè questo paese cresca e sia produttivo....

Quello che si propone è adattare la tassazione sulle rendite finanziare in Italia a quella europea e degli altri paesi occidentali, e abbassare le tasse sul lavoro tra le più alte dei paesi più industrializzati. Personalmente penso che anche le rendite finanziarie abbiano la loro importanza....

In questi anni abbiamo visto l'emergere di una classe dirigente fatta di immobilieri e speculatori finanziari, classe dirigente questa che era più facilmente controllabile sia dal governo che dalle banche ad esso vicine....

L'evasione fiscale è stata agevolata da leggi come la depenalizzazione del falso in bilancio e condoni fiscali....

"L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro...."
Articolo 1 della carta costituzionale italiana....

P.S.

Personalmente ho deciso di non prestare più attenzione alle uscite di Silvio Berlusconi sui mass-media, inizia a diventare troppo pesante e le persone così preferisco tenerle alla larga....

A fuoco l'ingresso dello showroom di Della Valle....
 
posted by Federico Perazzoni at 1:00 PM | Permalink


4 Commenti:


At 4:07 PM, Anonymous Roby

Innanzitutto complimenti per il tuo Blog Federico, poi un piccolo commento sul tuo intervento riguardo al cuneo fiscale.
Le mie illusioni non sono riguardo ai 5 punti % ma su chi da quel 5% ne trarrebbe benefici. Da come l'ho capito io il cuneo fiscale è un indice dato dalla differenza tra il Costo del Lavoro per l'impresa e la retribuzione netta per i dipendenti diviso il costo del lavoro per l'impresa.
Quindi ti faccio un es.

Costo lavoro Impresa (I)=50
Retribuzione netta (R)= 30

Cuneo fiscale= (50-30)/50= 0,4

Primo caso
Un abbassamento di 5% potrebbe esser cosi:
Costo lavoro Impresa (I)=46
Retribuzione netta (R)= 30

Cuneo fiscale= (46-30)/46= 0,35

Il cuneo si è abbassato si di 5 punti ma a favore dei costi dell'azienda.

Oppure
Secondo caso
Costo lavoro Impresa (I)=50
Retribuzione netta (R)= 32,5

Cuneo fiscale= (46-30)/46= 0,35

Il cuneo si abbassa a favore del lavoratore.

Ovviamente stiamo parlando di due casi estremi, ma come puoi ben vedere se favorisco le aziende magari queste poi possono trovare risorse per assumere, se favoriscono i dipendenti le aziende restano come oggi.
Come la si mette Federico ... l'economia oggi è messa veramente male.

 

At 4:11 PM, Anonymous Anonimo

ps scusami per un errore di copia e incolla la formula del cuneo fiscale nell'esempio due precedente è:
Cuneo fiscale= (50-32,5)/50= 0,35

 

At 11:09 PM, Blogger daniel

Temo che la ricetta della riduzione del cuneo fiscale, proposta dai due schieramenti sia una bufala.
Il centrosinistra sarà molto più capace nell'illudere i lavoratori a riguardo, causa l'estrema capacità di Prodi di spostare le masse finanziarie in modo 'occulto'.
Oggi i paesi dell'area euro sono strozzati dagli impegni assunti con la BCE; specialmente l'Italia visto il suo debito pubblico non può allo stato attuale ridurre il prelievo fiscale.
Per i lavoratori ci sarà un guadagno solo apparente, perchè quei pochi euro che si ritroveranno in busta paga grazie alla riduzione del cuneo li restituiranno con gli interessi grazie all'inflazione programmata dalla BCE.
Non solo, le banche private stanno ritirando enormi masse di denaro dalla circolazione (riduzione dei crediti) ma i grossi cartelli industriali mantengono alti i prezzi delle materie prime. Il risultato è la stagflazione, cercate il significato su wikipedia.
Mi spiace per gli italiani, ma il signor Prodi, insieme al signor Mario Draghi si preparano al collasso dell'Italia.
Entrambi sono dipendenti (in nero) della Goldman Sachs, società speculativa che ha già messo gli artigli (nel 1992) nel patrimonio italiano, anche allora grazie al sig. Prodi e al suo caro amico Mario Draghi.
Informatevi bene, e fate molta attenzione a chi date carta bianca con il vostro voto. Ciao!

 

At 11:31 PM, Anonymous Anonimo

come fà a non tassare gli ultimi lavoratori. dopo di questi sono tutti imprenditori...le tasse a me pare che siano calcolate da reddito di attività e lavoro. questo non paga quello neanche i pensionati sono no produttivi, farà pagare ai politici! mi aspetto aumenti dei generi di prima necessità, non diritto alla sanità pubblica, supercosti .di carburanti acqua luce gas ici autovelox nessuna opera pubblica. ossia in'agibilità assoluta, si fregano qualche risparmio dei poveri italiani disperati, e in nome dalla comunità tassano anche l'aria( che già esiste) nelle città se paghi la tassa per l'inquinamento circoli altrimenti fermo,polveri sottili stronzate varie .le vedremo tranquilli. a meno che non si riattiva il mondo del lavoro, produrre beni da esportare.per scambio poichè non abbiamo nemmeno più bisogno di valuta pregiata perchè l'€ di per se lo è ho dei forti dubbi di soluzioni al nostro cronico problema. ci ridono ci scherzano, si impettiscono e siamo nella merda.

 

E' libera e incoraggiata la diffusione dei contenuti di questo weblog, per avere anche un aiuto contattatemi....