Accordo accettabile??
sabato, luglio 21, 2007
In merito al recente accordo sulle pensioni, raggiunto tra sindacati e Governo....

Sono comprensibili i dubbi e le perplessità della sinistra radicale, sollevati in questi giorni da Diliberto e Giordano....

Il nostro paese ha uno stato sociale non paragonabile a quello di Francia e Germania. I politici della CDL prendono in considerazione da questi paesi solo la parte dello stato sociale che fa più comodo alla loro becera propaganda. Si in questi paesi l'età pensionabile sarà pure più alta, ma che dire delle 300.000 case popolari che costruisce ogni anno la Francia, contro le 3.000 dell'Italia?? Che dire dell'integrazione sugli stipendi data dallo stato francese, per adeguarli al reddito minimo garantito di 1.600 euro?? E delle indennità di disoccupazione che sia i francesi che i tedeschi percepiscono nei periodi in cui non lavorano?? Degli stipendi degli operai tedeschi che si aggirano attorno ai 3.000 euro al mese, del numero di ore lavorate a settimana da un operaio tedesco, inferiore sensibilmente a quello di un operaio italiano, del fatto che i sindacati tedeschi stanno nei consigli di amministrazione delle maggiori industrie della Germania....

La domanda è: se si portasse l'età pensionabile in Italia a livello di quella della Francia o della Germania, il denaro che non si spenderebbe per le pensioni, per cosa si spenderebbe?? Con la presenza di un sistema mafioso, di amministrazioni inette e inefficienti come quelle Cuffaro, Bassolino, Loiero, con una CDL composta da "imprenditori" pronti ad assaltare i soldi delle nostre tasse, quei soldi che non si spendono per le pensioni si spenderebbero per costruire alloggi popolari?? Per dare ai giovani una indennità di disoccupazione?? Insomma si spenderebbero per lo stato sociale??

Penso che non sia credibile lo stato italiano, visto la situazione in cui versa la nostra magistratura, visto come i politici apostrofano le attività dei magistrati quando tali li toccano. Non è credibile che l'attuale stato italiano, così pressoché per nulla incline ad un cambiamento che lo renda più efficiente, gestisca quei soldi delle pensioni per modificare e migliorare lo stato sociale. Questi soldi andranno nelle tasche dei soliti noti?? Ovvero quegli imprenditori e amministratori della cosa pubblica che hanno già largamente dimostrato in questi anni la propria, nella migliore delle ipotesi, incapacità. Se così fosse, se questo è il disegno che c'è dietro questo accordo, è opportuno che la sinistra radicale batta ancora cassa....

Allo stesso tempo però c'è bisogno che la sinistra radicale non tiri troppo la corda, è importante che il Governo Prodi resti in piedi ancora tre anni. E' opportuno che la sinistra radicale conservi dello spazio politico per nuove battaglie, che sicuramente nei prossimi mesi si presenteranno....

Personalmente non sono a priori contrario ad un innalzamento dell'età pensionabile, che si vada ad inquadrare, tenendo conto dei diversi interessi, in un accordo più ampio sul lavoro....

Etichette:

 
posted by Federico Perazzoni at 10:51 AM | Permalink


0 Commenti:


E' libera e incoraggiata la diffusione dei contenuti di questo weblog, per avere anche un aiuto contattatemi....